La Matrix Svelata – Parte 5: Creare “vittime”, anziché persone forti e libere

Prosegue l’intervista del giornalista investigativo Jon Rappoport al “propagandista” Ellis Medavoy,  sulla manipolazione di stampa e opinione pubblica da parte di oscuri funzionari alle dipendenze dei servizi segreti americani.

D: Riguardando indietro, qual era il motivo principale per farle inventare e diffondere bugie agli organi di informazione?

R: Creare una classe di vittime.

D: Può spiegarsi meglio?

R: Sì. Mi ci è voluto un po’ di tempo per capirlo, è politicamente scorretto anche solo parlarne, come per esempio le notizie sull’AIDS, il contagio dei gay. Niente di tutto questo.
Si trattava di creare la percezione di vittime su larga scala.
Ecco quale era il progetto segreto di controllo sociale che stava dietro a questa storia.

D: Che interesse avevano, quelli che le commissionavano i lavori, a creare un mondo pieno di vittime?

R: Se lei avesse fatto parte dell’élite, non lo avrebbe desiderato anche lei?
Non vede che si sarebbe adattato pienamente ai suoi scopi?
Osservi cosa è accaduto nel mondo, da quando abbiamo iniziato a diffondere le informazioni sull’AIDS: ora esiste tutta una serie di gruppi che sono ufficialmente delle vittime.
E’ una cosa che si è gonfiata a dismisura.
Chi sarà in grado di farsi carico delle vittime? I governi.
Morale della favola, vittime, vittime, vittime. Ecco il nuovo mantra.
Toglie di mezzo qualsiasi altra cosa, è come un megafono fra la folla.
Crei governi più potenti, quando aumenti il numero delle vittime bisognose di assistenza.
Si riesce ad aumentare il numero delle vittime dichiarando tali un numero sempre crescente di persone.
Ecco a cosa serviva l’AIDS, il suo scopo.

D: Perché se ci fosse al mondo un gran numero di individui forti…

R: Chi controlla il potere potrebbe perderlo!
Non avrebbero più nulla da fare, se non dare le dimissioni da un lavoro inutile.
Il “programma” è quello di sradicare completamente la percezione che possano esistere persone forti.
Quando emergono persone forti e libere, vanno subito rappresentate come avide, ambiziose e/o corrotte.

D: …E questa storia è consapevolmente venduta alla stampa.

R: Ogni volta. Da persone come me. Gente che alleva giornalisti, fornisce notizie, voci, indizi: è una forma d’arte.
I giornalisti cercano costantemente di capire che umore c’è in giro, dove soffia il vento.
Io fornivo questo genere di cose, ma in modo molto cauto.
Non strombazzavo le cose, le proponevo poco per volta, gradualmente, pezzo dopo pezzo.

D: “Creare la realtà”…

R: Inventare la realtà. Quante volte vede in televisione o sulla stampa storie di individui forti e liberi?
Glielo dico io, MAI.
Se ne vede qualcuno, c’è sempre di mezzo qualcos’altro.
Qualcosa come: “questo tipo prima era un poco di buono e ora è diventato per bene”.
Non si presenta mai qualcuno al pubblico solo per il fatto che è un individuo forte e libero.
Non si dice mai: “Questo è un esempio di libertà, ascoltiamo cosa ha da dire”.
Pensa che sia così per caso? Niente è dato dal caso, l’informazione è manipolata, talmente tanto che non c’è neanche più bisogno di manipolarla. Procede da sola in una precisa direzione.

D: Perché i cartelli medici sono così importanti nel gioco più grande della propaganda?

R: Sono sicuro che ci può arrivare da solo, dopotutto è lei che ha scritto “AIDS INC.”

D: Dittatura medica?

R: Vede, il punto di vista medico e scientifico sembra neutrale. Sembra che non abbia nessuna etichetta politica.
Per questo è un modo ideale per creare controllo.
Somministrare cure mediche dalla culla alla tomba. Con farmaci tossici e debilitanti.

D: E se qualcuno nell’ambiente scientifico non crede alle menzogne?

R: Beh, prendiamo il caso di Peter Duisberg, che si interessava delle notizie sull’AIDS.
Era un tipo estremamente brillante, aveva un’eccellente reputazione.
Lo seguivo da vicino. Era una star.
Si allontanò da solo dal mondo dei retrovirologi, capì che cercare un collegamento fra un virus e il cancro sarebbe stato un fallimento.
Questo infastidì parecchio i suoi colleghi, che non si lasciarono pregare quando disse che l’HIV non era la causa dell’AIDS.
E gli diedero addosso con forza.

D: Capisco.

R: Però, ormai nel 1988 era stato totalmente screditato.

D: Era tutta una bugia…

R: Il mio compito era di preparare il terreno.
Fare arrivare la notizia ai giornalisti, diffondere la notizia.
Parte del mio lavoro era di far accettare un’idea di epidemia globale.
Che si estendeva da Haiti a New York, in Uganda. Stessa epidemia, stesso virus…

 

 

Il lavoro e la visione di Italo Cillo
(Rishi Chony Dorje) proseguono su
www.PrimordialFreedom.it

Leggi gli ultimi articoli su questo blog per saperne di più
e lascia il tuo nome e la tua email qui sotto
(o visita il nuovo sito) per essere avvisato
sulle prossime risorse e iniziative:

About The Author

Italo Cillo

Sono ricercatore e insegnante spirituale, padre di famiglia, autore, imprenditore creativo, blogger e libero pensatore.

Comments

  1. Daniela says:

    di primo acchito Italo, ma a chi fanno comodo le vittime nel 2000?
    devo ancora finire di leggere ma è ciò che mi ha ronzato in testa per tutta la giornata:
    perché non c’è una tregua?

    (ah, adesso ho finito di leggere)

    perché succedono cose belle al mercoledì e al giovedì ci si ritrova a terra di nuovo?
    ora, credo sia anche vero che quando le cose escono allo scoperto ormai è troppo tardi e non conta molto se è vero oppure no
    anche il libro tradotto potrebbe dare una visione che ormai è troppo tardi divulgare perché il danno è già stato fatto e le cose in realtà stanno già cambiando
    (molti libri escono e sono già vecchi)

    oppure raccontano cose nuove a chi ancora non le sa

    non credo che tutto ciò serva solo a tre potenti!

    credo che dietro a questo assurdo gioco ci sia dell’altro ancora che non viene detto e che questo “raccontare tutto” in realtà sia fasullo e nasconda dell’altro

    quindi ripeto a me stessa “che senso ha fare vittime oggi, nel 2000”?
    a chi serve se i potenti stanno perdendo il loro potere e si destabilizzano l’un con l’altro?

    “c’è dell’altro?”

    terremoti e vittime, tsunami e vittime, crolli e vittime, siccità e vittime, povertà e vittime
    chi muove le pedine?
    chi ha la regia?
    chi è solo un esecutore?

    n.b. sarà, ma tendo a fidarmi poco ormai anche di persone che dicono di dire e solo e nient’altro che la verità

    • Iuliana says:

      Buon pomeriggio Italo, scusa non ho capito bene io da quello che hai scritto? Io non ho mai detto nulla riguardo tutto quello che scrivi, x carità, poi le bugie non capisco nulla in che senso? Non mi permetto prima di tutto, anzi non ti ho scritto più di una o 2 volte riguardo i corsi ma tempo fà. Non riesco ad capire nulla di tutto il discorso. Rispetto te come una persona di bene e credimi non mi permetto fare neanche i scherzi giocando con le parole che non gli conosco. Per cortesia ti prego con tutto il cuore fammi capire cosa ha successo, x che non mi sento responsabile di assolutamente di nulla.In attesa della tua risposta nel modo che riusciremo ad capire bene, ti mando i miei saluti augurandoti nel stesso tempo un sereno proseguimento della giornata. Distinsi saluti, Iuliana

  2. Raffaella says:

    E’ ormai evidente quanto la visione nefasta che ci offrono questi ‘signori del nulla’ ci impedisca di trovare la felicità, come fosse facile in condizioni ‘normali’ (n.b.non so neanche di cosa sto parlando!).
    Un individuo forte è responsabile della propria vita, conosce le conseguenze delle proprie azioni ed è felice, perché ‘vede’ ed è consapevole del fatto che per ogni ‘brutta cosa’ ve ne è una bella e che la percezione di essa dipende soltanto da noi allo stesso modo della prosperità, della salute, dell’amore.
    Auguro a tutti una felice ‘visione’ 🙂

    un abbraccio

  3. maria says:

    se tutto è manipolato, ogni notizia è falsa, non ci si può fidare di nessuno ecc. ecc….serve ancora a qualcosa guardare i tg., i dibattiti o leggere il giornale?….o dobbiamo comunque essere sempre aggiornati per poi renderci conto di essere dei burattini e cercare una via d’uscita? non ne abbiamo già avuto abbastanza?…io sono un po’ delusa…tante notizie vengono a galla ma non si risolve mai nulla!
    c’è qualche movimento politico a favore dei cittadini?

    • Erika Cioni says:

      Cara Maria…..”mi permetto ancora”!!

      Per rispondere alla Tua domanda (e non che si tratti di movimenti “politici”!)….Ti invito a leggere la mail che Ti ho inviato questa mattina in merito all’Associazione “Salviamo gli Italiani” di Allam Magdi Cristiano (..di cui ieri chiedevi informazioni a Rossella), nonché – se vuoi – ad informarTi del Comitato Italiano Popolo Sovrano, costituito lo scorso 16 febbraio 2014 da Luigi de Giacomo ed altri “Cittadini Liberi e Sovrani”!

      E con questo Ti saluto nella speranza che le informazioni da me fornite possano esserTi “Utili”…..Erika.

      • maria says:

        Grazie Erika, ho ricevuto il tutto e provvederò entro domani all’iscrizione….quello che intendevo io (in una maniera un po’ sarcastica) se le cose stanno così, con la nuova legge elettorale, a chi dare il voto visto che per governare devono raggiungere il 37%… per il momento non vedo via d’uscita….magari ci fosse una presa di coscienza generale…(spero di sbagliarmi)
        Ti saluto cordialmente.
        Maria

        • Erika Cioni says:

          ..Certo, Maria, con la “Confusione” che ancora dobbiamo tollerare ed attraversare non è ancora “facile” individuare “vie d’uscita”….

          Converrai con me, però, sul fatto che siamo ad un Vero “Punto di Svolta” e….sono certa….La Via si mostrerà da Sé….Come sempre, però, a chi avrà “Occhi per Guardare e per Vedere”….Saluti a Te!!

    • Italo Cillo says:

      Cara Maria, la risposta ai nostri problemi non è un “nuovo movimento politico” (Dio ce ne liberi e scampi) ma la crescita della nostra consapevolezza individuale e collettiva.
      Le idee di fondo (Autonomia individuale, Spirito della Realizzazione, ecc.) che diffonde questo sito, sono “virus mentali positivi” che, diffondendosi, creano le premesse per un reale cambiamento…
      Saluti affettuosi

  4. Daniela says:

    p.s. ma voglio vedere e sentire comunque come va a finire
    (sembro sempre arrabbiata, quando scrivo ma non è così)

    certe cose sono pensate o intuite in anticipo, ma non si sa mai se sono pensieri e intuizioni giusti
    manca sempre la controparte e in questo caso invece si comincia ad averla
    bisogna sempre scegliere, comunque, se ciò che si sente è vero, oppure no

    ripeto, per me c’è dell’altro sotto

    tra le cose negative che fanno tentazione a molti c’è “la rabbia”, la “disillusione”, l'”abbattimento”
    ma va bene così
    loro non sanno che c’è anche dell’altro
    ci sono oasi di pura felicità e famiglie dove si sta bene e si cresce in armonia
    ci sono isole di amore infinito di cui nessuno parla, credendo che ai più interessi dell’altro
    ci sono lavori che soddisfano e che ti fanno sorridere
    c’è l’amore anche se loro preferirebbero sapere che non c’è
    è questo che vogliamo costruire e di cui vogliamo anche che si parli, cercando di aggiungere una buona azione ad un buon sentimento e ad un sorriso stupendo

    nel frattempo ci si informa, si tolgono i veli, si lasciano le disillusioni, si capisce esattamente come vanno le cose e come sono in realtà le persone
    ci si rialza poi cercando di dare una mano a costruire con ciò che si può un posto migliore, lasciando questi signori e i loro poco meritevoli interessi alle spalle, perché è li che devono stare

    è forse la cosa migliore da fare ignorare questi signori, che notte tempo si presentano come per fare un regalo che in realtà un regalo non è
    “vedete”, ci dicono, “vi abbiamo beffati e anche alla grande!”

    ciao Raffaella ed Erika e buon lavoro!

    • Erika Cioni says:

      Ciao a Te, cara Daniela…”Grazie”!! 🙂

  5. luciano says:

    Ciao Italo
    sono Luciano, penso che ci sia ancora di più, c’è un controllo mentale di massa per condizionare la mente delle persone, attraverso i giornali, i telegiornali che quando trasmettono qualsiasi notizia sembra che ci sia una guerra in corso, questo giusto per spaventare le masse e portarle a pensare e credere quello che vogiono, e tutti imezzi d’informazione, raccontano tante falsità e le masse le danno ragione, siamo in piena dittatura dove per lavorare devi avere i permessi che scadono annualmente, quindi alla scadenza del permesso non sei più in grado di lavorare, non sei più capace di fare niente, ma se paghi subito diventi il tecnico che eri prima, questo sino alla prossima scadenza, e come se quando scade la patente subito da quel momento non sei più capace di guidare una macchina, quindi sei un pericolo pubblico, ma rinnovandola torni ad essere l’autista di prima.
    Penso anche che non vogliono fermarsi solo a questi livelli, ma vogliono arrivare a creare esseri umani robotizzati che fanno tutto quello che decidono di fargli fare, per arrivare ad un controllo totale a livello globale.

    • Italo Cillo says:

      Caro Luciano, questa che scrivi è solo META’ della verità.
      Questi sono gli ostacoli che le “forze dell’oscurità” mettono sul tuo cammino.
      Questi ostacoli sono falsi, illusori. Il loro scopo è metterti paura.
      L’altra metà della verità… sei TU.
      La Forza del tuo Spirito, della tua Vera Natura.
      Uno Spirito forte usa gli ostacoli solo per migliorarsi, MAI per lamentarsi.
      Non dimenticarlo mai.
      Saluti affettuosi.

  6. Roberto Prinzi says:

    Interessante articolo (come del resto anche gli altri sulla Matrix svelata). Grazie Italo 🙂

    Colgo l’occasione per postare un breve estratto tratta da un recentissimo ed interessantissimo libro di Vadim Zeland (autore del Reality Transurfing) che si intitola “Scardinare il sistema tecnogeno”:

    “Il fine del sistema (denominato dall’autore tecnosfera) è quello di cacciare l’uomo nella celletta della “matrix”, cancellare la sua individualità, ritagliare da una personalità un’ingranaggio standardizzato. A questo fine vengono largamente e sfrontatamente utilizzati mezzi di disinformazione e di comunicazione tendenziosa. L’ingranaggio non dev’essere in buona salute, per evitare che abbia energia libera disponibile, e dev’essere preferibilmente “rintronato” per non capire dove si trovi.

    Il fine dell’individuo è quello di conservare la sua libertà, indipendenza, unicità, consapevolezza, energia, salute. Possono conservare tutte queste qualità solo coloro che avranno il coraggio di abbandonare le file comuni.

    Ad attendere i sostenitori del sistema c’è invece un’unificazione di massa, un’adattamento totale alle necessità del sistema. E non è una finzione.

    La disinformazione e l’informazione tendenziosa creano angoscia e paura, che sono le forme più forti di bloccaggio dell’energia.
    Il modo migliore per contrastare la paura è non fare entrare nel vostro mondo ciò che può spaventare e creare angoscia. Le catastrofi, i disordini sociali, la criminalità, la guerra, il terrorismo, i cataclismi naturali, tutto deve volare oltre la vostra attenzione, come dei paesaggi insignificanti oltre il finestrino di un treno ad alta velocità.”

    A quanto detto da Zeland, io aggiungerei quanto segue:
    Tv e giornali ci presentano ogni giorno un’infinità di eventi negativi (crisi, disoccupazione, suicidi, omicidi, violenze di ogni genere, catastrofi naturali, alluvioni etc.) facendoci credere che per NESSUNO DI QUESTI ESISTA UNA SOLUZIONE.
    Il risultato ? Siamo investiti da un’enorme SENSO DI IMPOTENZA e la nostra capacità di REAZIONE alle circostanze avverse viene TOTALMENTE ANNIENTATA.
    Questo sistema continua a martellarci psicologicamente proprio per ottenere persone deboli e non individui consapevoli!!!!

  7. Italo Cillo says:

    GRAZIE Roberto, ben detto.
    Bellissime parole, sia le tue che quelle di Zeland…

  8. Antonio Anthony Badami says:

    Come la buona regola dell’arte vuole ad una buona ed attenta semina segue un gran bel raccolto; ad un bell’articolo seguono tanti ottimi commenti.
    Le due fasi sono UNO ed il valore che producono è inscindibile e grande.
    Mi meraviglio sempre, puntualmente, ad ogni articolo o pubblicazione o poadcast del valore che traggo dal lavoro condiviso di Italo; ma la stessa meraviglia, a volte inaspettata, si manifesta puntualmente con la partecipazione ed i commenti di tutta la Community, con tutta la sensibilità, consapevolezza ed anche i dubbi che sà esprimere.
    Ho imparato che l’UNIONE di queste due fasi è la vera ricchezza di questa esperienza bellissima.
    Imparando ad esercitare costantemente la mia consapevolezza sò che rimarrò solo, ma “addestrando costantemente la mia mente a vedere il bene ovunque” (Italo docet….) sarò UNO con Voi e con tutti quelli che lo vorranno.
    Sono sempre più grato di condividere questa esperienza.
    Saluti al Divino in Voi.

    • Italo Cillo says:

      Grazie Antonio,
      per le tue belle parole e per essere qui con noi…

  9. guglielmo says:

    Ciao a Tutti!
    Se non si ha la forza di cambiare strada; la vita risulterà simile a un lungo viale pieno di pubbicità…muri alti ma luccicanti e goduriosi all’inizio…poi man mano che il tempo passa, i muri si trasformano in grigie pile di documenti, obblighi, doveri e paure, per trasformarsi più in la in bassi muretti di mattoni scalcinati, che lascieranno intravedere il mondo al di fuori della matrix…ma ormai uniformati sarà tardi per saltare e ci si adeguerà.
    Zeland parla anche di surfare attraverso i pendoli…evitando di cozzarvici contro e farsi male.
    Dai, il primo passo verso la consapevolezza è quello di seguire Italo.
    Ci attrezzeremo anche per diradare la foschia che ci divide 🙂

  10. Sandrina Segresti says:

    Da parecchio ho aperto gli occhi…su quanto ci viene trasmesso dai media.Che ci sia un disegno da parte di poteri celati ne sono sicura…i signori della truffa, in effetti ,cercano di oppiare anche le persone che ritengono forti per avere campo libero nelle loro azioni….e quale miglior appoggio? I media sono loro servitori….cmq io ho eliminato la TV il mezzo disinformativo!!!
    Grazie Italo….. un cordiale saluto

  11. Massimo says:

    Mi unisco al complimento, molto interessante l’articolo ma il valore
    aggiunto dei commenti è inestimabile! Grazie a tutti!!!
    Massimo

  12. Italo Cillo says:

    Grazie a te Massimo, un abbraccio.

  13. annamaria says:

    caro Italo senza neanche rendermene conto dentro me sapevo già che è così siamo creature che spaventano e si spaventano e in quanto tali abbiamo il dovere verso noi stessi e gli altri di scegliere cosa vedere chi seguire .da anni avevo abolito la tv ,cosa che ne in passato ne ora sto facendo è abolire dalla mia vita e questo è un problema , tutte le persone facilmente influenzabili che cercano di influenzarmi in negativo. ecco questo è il vero male sapere di avere difronte il male e continuare a sentirlo per amor di quietudine,il male si nasconde anche in una famiglia apparentemente sana !

  14. Italo Cillo says:

    Grazie Annamaria, saluti affettuosi

  15. Alessandro says:

    I potenti credono di esserlo ma non lo sono affatto, vogliono controllare la vita della gente perché hanno paura di guardare dentro loro stessi e risolvere le loro debolezze. Cercano di controllare altri uomini come sfogo della propria frustrazione.

  16. Italo Cillo says:

    Ben detto, grazie Alessandro

  17. Daniela says:

    ritorno qui, portata da una stranissima notizia di questi giorni
    Italo, continua a tradurre, ti prego, perché ce n’è proprio bisogno

    • Raffaella says:

      Cara Daniela, Italo ha già detto che nel periodo prepasquale non avrebbe avuto tempo per nuovi articoli e podcast, approfittane anche tu per prenderti un pò di relax e riflettere su ciò che ci ha già
      regalato finora. Ti auguro felice Pasqua!

      Raffaella

  18. Daniela says:

    Ciao Raffaella.
    Si, mi ricordo molto bene.
    Lo so che è temporaneamente assente.
    E va bene.
    Non volevo distoglierlo da ciò che sta o starà facendo. Non è mia intenzione.
    Lasciavo e volevo esortarlo a non smettere di informare.
    In effetti il messaggio lo potrà leggere anche tra un mese, se vuole e oppure no, se il post è già troppo vecchio.
    Volevo solo confermare che anche se da soli si intuisce, avere qualcosa di scritto che ti rimarca questa convinzione, è di suo, molto utile!

    ehi, Raffaella…chissà!…solo io non vado in ferie?
    ma neanche tu, vedo!

    ciao e “buon passaggio oltre”

    a risentirci

    • Raffaella says:

      Non preoccuparti carissima, Italo legge sempre tutto 🙂
      Mi hai fatto incuriosire, non vorresti condividere con noi la tua intuizione? Sempre se ti va, ovviamente!
      grazie

      un abbraccio

  19. Italo Cillo says:

    Grazie Daniela, Grazie Raffaella,
    un saluto affettuoso e Buona Pasqua!

  20. Angela says:

    Trovo “centrale ” per comprendere, la frase: Il “programma” è quello di sradicare completamente la percezione che possano esistere persone forti.”. Che reputo la principale manipolazione a cui seguono le tante altre. A proposito di paura e di TV, raramente riesco a seguirla , ma solo a causa dei miei orari lavorativi. A mio avviso non è utile “chiudere gli occhi”, ma ascoltarla, vederla, l’importante è imparare sempre più (e in questo in fondo ci offre un opportunità di imparare) a “leggere tra le righe” e riflettere su quanto di vero possa o meno esserci comunicato e con quali modalità. Aggiungendo la voglia di sapere e cercare informazioni varie, attendibili , si può poi comprendere ancor meglio tutto il meccanismo delle “bufale che ci propongono”, facendo leva sulla paura e ignoranza (il non sapere) delle persone.. E a proposito di paura, preparatevi ad una molto prossima, nuova e più “intensa” “campagna promozionale, fondata sulla paura” riguardo l’ebola. Al momento cercano di convincere gli operatori sanitari (e come potrebbero non caderci, presi da sigle che conoscono, però modificate in parte ! Esempio ? Il virus influenzale è: H1N2 ? Loro parlano di Ebola indicandola con H2 N9 (i numeri li ho messi a casaccio, anche se esistono già quelli “presunti veri,” segnalati sulle circolari ministeriali, che girano negli ospedali. Così il personale sanitario in gran parte è già condizionato…. a breve toccherà alla “massa” la nuova “intimidazione.
    Complimenti per i tanti interessanti e bei commenti !!
    Un caro saluto a te Italo , che ringrazio per tutte queste informazioni e a tutti voi !

  21. Alessandro Salvatore benedetto says:

    Grazie italo!!!! E tt vero purtroppo…. Ed è.l.tt così.l.sottile….in fondo essere consapevoli significa prenderci un pezzetto di responsabilità….la verità….viene manipolata ….e…evidente le ragioni per cui il Dalai lama e…sempre sotto assedio….il ns…Papa e gesuita…conosce cm tt le più alte cariche . Qs cose……ed è…per qs che si limita…a dare ….speranza….e una sottile arte…la manipolazione!!!! Spegnere la tv e i giornali…ci renderebbe….un po più…liberi!!!!essere consapevoli di essere una scintilla di dio…può…pesare perché…nn ci da scuse a noi stessi del perché….nn facciamo abbastanza….o quasi nulla!!!! E….devastante…e persino….i famosi complottisti…sn assuaffatti da qs meccanismi!!!! Tt dovrebbero leggere più…volte qs articolo…..grazie per contribuire…in qlk modo….alla libertà….di tt!!!! Mi pento davvero solo ora ….di nn essere andato a vedere il Dalai lama quando è…venuto qlk mese fa…a livorno dove vivo…..sicuramente tu ci sei andato!!!!! Con gratitudine alessandro

    • Italo Cillo says:

      Grazie Alessandro…
      Ma in che lingua scrivi?!? 🙂
      ti mando i miei saluti più affettuosi e auguri di ogni cosa buona

  22. buongiorno Italo
    io non ho avuto modo di leggere il tuo libro (ancora)
    ma ho letto un po’ in questi tuoi scritti da farmi venir voglia di farlo subito
    un po’ di tempo fa’ , insieme ad un gruppo di amici abbiamo cominciato un percorso di ribellione verso il sistema e le case farmaceutiche e di informazione per quanto riguarda i problemi che ci circondano, molti di questi ,li ho appunto ritrovati oggi leggendoti un po’ .
    qualcuno chiede come facciano a comandare le masse , noi ,un idea ce la siamo fatta ,GHIANDOLA PINEALE , c’e’ un progetta che affonda in profondita’ e che ancora oggi grazie all’aiuto di chi ci controlla va’ avanti in maniera davvero terribile, la conferma che quello che tu scrivi stia avvenendo da molto piu’ tempo di quanto immaginiamo ,,,,,grazie

  23. Nicolò says:

    Buonasera Italo,ho visto il suo podcast nr 11 “la matrix e gli arconti”,mi è venuto un dubbio riguardo l’origine dell’uomo.Se si esclude l’ipotesi degli annunaki e dell’esperimento genetico tra il loro dna e e quello delle scimmie per creare l’uomo primo(l’adam),allora da dove veniamo?Come spiegare il cosiddetto anello mancante e l’rh negativo?
    Inoltre,ho letto del nesso tra il pensiero gnostico(forse quello più recente) e il satanismo-cabala-new age,perchè anche loro dicono cose del tipo:”dio non esiste,non ne abbiamo bisogno perchè siamo noi dei ecc…”
    Può aiutarmi a fare luce su questo argomento?
    In più,ha parlato delle origini della nobiltà nera veneziana(ebrei sefarditi) e mi sono chiesto:ma non erano solo gli ebrei ashkenazi e kazari quelli cattivi e i sefarditi erano quelli perseguitati?I sefarditi sono stati sul serio perseguitati ed usati per esperimenti da parte dei sionisti e in più ci sono rabbini antisionisti come il “famoso” Rabbi Weiss.Cosa ne pensa?
    Mi potrebbe indicare anche quale degli episodi del podcast parla di autonomia individuale,inventarsi un lavoro,moneta alternativa,come rendersi quindi indipendenti economicamente e cosa mi può consigliare immediatamente di fare per cominciare a provare ?
    Nel farle i complimenti per quello che fa e diffonde,le porgo i miei più cordiali saluti

    • Italo Cillo says:

      Carissimo Nicolò, grazie per avermi scritto. Per rispondere alle tue domande non basterebbe un podcast intero! 🙂
      Il migliore consiglio che posso darti, è quello di inserire il tuo indirizzo email nel box in alto a destra in questa pagina: riceverai una serie di articoli e risorse molto interessanti, ordinati in un “filo logico” sensato 🙂
      Saluti affettuosi e auguri di ogni cosa buona.

Vuoi commentare? Fammi sapere cosa ne pensi: